In moltissimi casi il defunto passa a miglior vita senza lasciare alcun testamento. In questo caso la sua eredità passa agli eredi secondo i criteri stabiliti dallarticolo 457 del Codice Civile che disciplina proprio i casi in cui il defunto lascia un’eredità senza testamento

Queste norme privilegiano i parenti più prossimi ed in particolare i figli, ma tengono in adeguato riguardo anche il cosiddetto rapporto di coniugio, cioè la presenza di un coniuge (moglie o marito) che concorrerà insieme ai figli o agli altri parenti alla suddivisione dell’eredità.

La legge stabilisce una graduatoria che determina chi sono i parenti più prossimi e chi sono i successori legittimi, cioè quelli a cui per legge deve spettare una determinata quota del patrimonio del defunto. Ovviamente, anche gli eredi legittimi possono rinunciare all’eredità ed in questo caso si procederà ad assegnare l’eredità al grado di parentela successivo. Questi principi valgono anche nel caso in cui il defunto abbia fatto testamento dal notaio. Per legge infatti il de cuius può disporre liberamente solo della quota libera della sua eredità, cioè quello che resta una volta fatti i calcoli della legittima, e questa quota potrà devolverla a chiunque vorrà.

Nella successione ereditaria senza testamento le cose possono leggermente complicarsi nel caso in cui esista un convivente, cioè una persona che intratteneva con il defunto un rapporto più o meno intimo. Purtroppo, al convivente la legge non riconosce alcun diritto nella successione e quindi quest’ultimo non può ereditare alcun bene, a prescindere dalla durata e dall’intensità del rapporto che aveva con il de cuius.

Mentre la legge non fa alcuna differenza tra figli legittimi, naturali, adottati, o legittimati, fa invece differenza tra il coniuge convivente, il coniuge separato o il coniuge divorziato. Il coniuge separato ha gli stessi identici diritti del coniuge non separato, a meno che non ci sia stata una sentenza di divorzio. In quest’ultimo caso, il coniuge divorziato può avere diritto solo a un assegno vitalizio solo nel caso in cui al momento della morte del de cuius riceveva ancora gli alimenti. 

Articoli Più Letti

Articoli Più Recenti

Le nostre certificazioni



  • Centralino Internazionale 24 ore su 24
    Tel.: +39 06/488868
    Centralino 24 ore su 24 per le sedi di Roma
    Tel.: +39 06/262626

    Centralino 24 ore su 24 per le sedi di
    Anzio, Nettuno, Aprilia:
    Tel.: +39 06/9870000

    Centralino 24 ore su 24 per le sedi di
    L'Aquila - Montereale:
    Tel.: +39 0862/317070


  • Taffo Roma - Via Urbana n.86
    Taffo Roma - Via Casilina n.1044
    Taffo Roma - Via Di Porta Medaglia n.21

    Taffo Aprilia - Via Delle Margherite n.171

    Taffo L'Aquila - SS 80 KM 2.800

    Taffo Nettuno - Via Santa Maria n.62

    Taffo Anzio - Via di Valle Schiola n.120/B
    Taffo Montereale - Via del Municipio, n.1


  • info@taffo.it
  • Informazioni Utili


    Onoranze Funebri Taffo offre un servizio di pronto intervento attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, tramite le sedi operative di Roma, L'Aquila, Montereale, Lavinio e Nettuno.
  • Iscriviti alla Newsletter

    Acconsento al trattamento dati secondo il regolamento
    UE 2016/679 (GDPR)
  • Seguici sui Social


Copyright 2016 Taffo srl - Via Urbana 86 – Onoranze Funebri Roma - P.Iva 10225651008. Web Marketing Agency: Ndv Comunicazione

Privacy Policy Cookie Policy