La tumulazione è la pratica che prevede la sepoltura della bara del defunto all’interno di un loculo o di un manufatto come una celletta funeraria o una cappella funebre all’interno del cimitero. È una pratica diversa dall’inumazione che invece prevede che la bara sia seppellita sotto un tumulo di terra. La procedura prevede che la salma del defunto sia posta all’interno di una bara in doppio strato, all’interno in zinco e all’esterno in legno. La bara viene sigillata ermeticamente e posta all’interno del loculo che generalmente è intonacato o murato. All’esterno si appone la lapide marmorea.

Per le sepolture private è concesso l'uso di aree e di manufatti costruiti dal Comune, previa richiesta di una concessione che riguarda sia le sepolture individuali che le sepolture per famiglie e collettività (come nel caso delle edicole o degli archi a più posti). Per ottenere il rilascio della concessione è necessario pagare un canone determinato da un apposito tariffario stabilito dal Consiglio Comunale. La stipula dell’atto può avvenire o presso l'ufficio di Polizia Mortuaria o presso le imprese di onoranze funebri.

A seconda delle decisioni prese dalle autorità comunali, la salma viene conservata all’interno del loculo per un periodo di tempo determinato, che va da un minimo di 20 anni come stabilito dalla normativa nazionale ma ogni Comune ha le sue regole. Gli interessati, alla scadenza della concessione possono richiedere la proroga che si effettua una sola volta e per uguale periodo di tempo dietro pagamento del canone di concessione previsto dalle tariffe comunali. A Roma ad esempio, la scadenza avviene ai trenta anni, è presente dal 15 aprile del 2006 e riguarda tutte le salme che sono state sepolte dal 16 aprile del 1976 in poi. I parenti del defunto possono richiedere, entro sei mesi dalla data di scadenza, il rinnovo della concessione del loculo per un periodo di altri trenta anni. La richiesta deve essere effettuata entro la scadenza altrimenti ottenere il rinnovo diventa difficile. È anche importante presentare tutta la documentazione necessaria.

Giunto il momento della scadenza della concessione del loculo, sono i Servizi cimiteriali che provvedono alle operazioni della fase successiva. In questo caso, il feretro deve essere estumulato e, nel caso in cui sia possibile rinnovare la concessione, i resti del defunto potranno essere traslati in una cassetta ossario oppure cremati. Se invece ci si trova nella situazione di non poter rinnovare la concessione o non si esprime alcuna volontà in merito alla destinazione dei resti mortai, allo scadere della concessione cimiteriale i resti vengono traslati nell’ossario comune.

Articoli Più Letti

Articoli Più Recenti

Le nostre certificazioni



  • Centralino Internazionale 24 ore su 24
    Tel.: +39 06/488868
    Centralino 24 ore su 24 per le sedi di Roma
    Tel.: +39 06/262626

    Centralino 24 ore su 24 per le sedi di
    Anzio, Nettuno, Aprilia:
    Tel.: +39 06/9870000


  • Taffo Roma - Via Urbana n.86
    Taffo Roma - Via Casilina n.1044
    Taffo Roma - Via Di Porta Medaglia n.21

    Taffo Aprilia - Via Delle Margherite n.171

    Taffo Nettuno - Via Santa Maria n.62

    Taffo Anzio - Via di Valle Schiola n.120/B


  • info@taffo.it
Copyright 2016 Taffo srl - Via Urbana 86 – Onoranze Funebri Roma - P.Iva 10225651008. Web Marketing Agency: Ndv Comunicazione

Privacy Policy Cookie Policy